HTC EXPLORER (PICO) - COMPENDIO

PREMESSA

L'intento è di riassumere tutte le principali procedure e informazioni, utili per utilizzare al meglio questo smartphone.
 
Come è ovvio, non sono responsabile, in alcun modo, se, l'impiego di tali procedure, dovesse danneggiare il vostro dispositivo!
 
Seguite questo compendio esclusivamente a vostro rischio e pericolo!
 
Sono graditi suggerimenti ed errata corrige!
 
Detto questo, quando segue, l'ho sperimentato personalmente e, riassumendo, in questo post troverete le seguenti sezioni:
  1. INTRODUZIONE
  2. PROCEDURA DI ROOT (che ci permette di avere i diritti di amministratore su Android)
  3. INSTALLAZIONE DI UNA RECOVERY ROM ALTERNATIVA
  4. INSTALLAZIONE DI UNA SYSTEM ROM CUSTOM
  5. PROCEDURA DI BACKUP E DI RESTORE, TRAMITE RECOVERY ROM
  6. PROCEDURA DI BACKUP E DI RESTORE, TRAMITE  APP SUPER BACKUP
_________________________________________________________________________________
1. INTRODUZIONE
 
In primo luogo, dobbiamo capire, almeno a grandi linee, come viene suddivisa, a livello logico, la memoria interna di un dispositivo Android.
La memoria, come per gli HD di un PC, è divisa in partizioni:
  • BOOT
  • CACHE
  • DATA
  • RECOVERY
  • SYSTEM
  • SD-EXT
Ovviamente, i nomi delle partizioni sono autoesplicativi e, in aggiunta, in genere, sono formattate nel formato YAFFS2, tranne SD-EXT, partizionata in EXT2, 3 o 4.
 
Ora, considerando che, una volta sbloccato il terminale, possiamo sovrascrivere (in gergo effettuare un flash) le varie partizioni con file immagine pronti per essere sovrascritti, si capisce che, per avere il completo controllo dell'aspetto software del terminale, è necessario effettuare la procedura di ROOT, che include lo sblocco del BOOTLOADER.
 
E' proprio la modifica del BOOTLOADER che INVALIDA LA GARANZIA!
 
SYSTEM contiene il sistema operativo vero e prorpio ed è la parte che viene sovrascritta, quando "installiamo" una CUSTOM ROM.
 
DATA contiene i dati delle applicazioni impiegate dall'utente tra cui, i contatti, gli sms, etc, se non diversamente impostato dall'utente.
 
RECOVERY ha al proprio interno il software di recovery che corrisponde, in termini di funzioni che mette a disposizione, alle partizioni di recovery OEM preinstallate nei portatili, che consentono il ripristino del software del notebook al momento della prima accensione, dopo l'acquisto.
Tramite questa partizione è possibile effettuare svariate cose, in base alla RECOVERY ROM che decideremo di sovrascrivere.
Ad esempio, potremo effettuare un backup completo del nostro smartphone, che comprende tutte le partizioni di cui sopra, in modo tale da poter ripristinare completamente il dispositivo, in caso di malfunzionamento dovuto a problemi software, oppure per ripristinare il telefono alla situazione precedente, con tutte le nostre personalizzazioni già pronte, così come erano, prima di aver provato, ad esempio una CUSTOM ROM che ci incuriosiva!
 
BOOT contiene i dati di avvio del telefono, tra cui il BOOTLOADER, mentre la CACHE contiene dati temporanei, delle applicazioni e del sistema operativo, che vengono impiegati per accelerare il caricamento delle varie parti software di applicazioni, sia di sistema che applicazioni utente.
 
Detto questo, in linea del tutto generale, bisogna tener sempre presente, che è quasi sempre possibile ripristinare il telefono, dal punto di vista software, nel caso avessimo installato male una CUSTOM ROM; la cosa importante è controllare sempre che il backup creato sia completo e senza errori (generalmente viene creato un codice hash MD5, che ci garantisce l'integrità del backup).
 
Per chiarire le idee, rispetto al tipo di backup che è possibile creare, dobbiamo pensare che ciò che otteniamo è qualcosa di molto simile a quello che creano i rispettivi programmi per PC, come ad esempio Norton Ghost oppure come Acronis True Image.
 
Quindi riusciamo a creare un'immagine completa della nostra memoria interna del telefono, sistema operativo, bootloader, recovery e dati personali compresi, come se stessimo clonando un disco fisso di un PC, creandone un immagine di backup!
 
2. PROCEDURA DI ROOT
 
Questa procedura si divide in tre fasi:
  1. PRELIMINARI: dove reperiamo il software e l'occorrente per effettuare il ROOT
  2. UNLOCK BOOTLOADER: sblocco del bootloader che ci consentirà l'accesso completo al software del dispositivo
  3. INSTALLAZIONE RECOVERY
  4. ROOT
 
a) PRELIMINARI
  1. Installare "HTC Sync", scaricabile da qui (o solo i driver tramite il file "HTCDriver3.0.0.007.exe")
  2. Installare "Java Runtime", scaricabile da qui
  3. Creare una cartella, denominata "Android" in c:\, contenente i seguenti files:

    "AdbWinApi.dll"
    "fastboot.exe"
    "adb.exe".

    ottenuti

    - scaricando il Google Android SDK, da qui
    - cercandoli poi, una volta estratto il file compresso, nella sottodirectory "sdk\platform-tools" e copiandoli in c:\Android

    Eseguendo il programma "SDK Manager.exe", presente nel file zip, controllare che sia "Android SDK Platform" che "Android SDK Tools" siano presenti e che la versione sia più aggiornata della r11, altrimenti aggiornarla!
 
b) UNLOCK BOOTLOADER
  1. Bisogna iscriversi al sito HTCDev e andare quindi qui
     
  2. Dal menu a tendina "Supported Devices", selezionare "All Other Supported Models", quindi premere sul tasto verde "Begin Unlock Bootloader".
     
  3. Spegnere il cellulare, rimuovere e reinserire la batteria.
     
  4. Avviare il telefono, tenendo premuti, contemporaneaneamente, il tasto Volume- e il tasto di Accensione, finché non si illumina lo schermo.
    Notare la scritta evidenziata di fucsia con la scritta LOCKED.
     
  5. Ora utilizzare i tasti del Volume per selezionare la voce "Fastboot" e quindi premere il tasto di Accensione per convalidare la scelta.
     
  6. Collegare il telefono al computer, tramite cavo USB in dotazione.
     
  7. Con i file, di cui al punto 2 e 3, già pronti, avviamo col tasto win+r, cmd.exe (per chi non conosce il tasto win, è il tasto a destra del tasto ctrl in basso a sinistra della tastiera, con il logo di Windows)
     
  8. Dal terminale di Windows, spostarsi alla cartella c:\Android\, tramite il comando
    cd c:\Android 
  9. Digitare quindi il comando
    fastboot oem get_identifier_token
    e inviare.
     
  10. Ora, abbiamo ottenuto a video il codice di identificazione univoco del nostro cellulare.

    Un esempio di quello che potrebbe essere il risultato è il seguente:
    (bootloader)
    (bootloader) < Please cut following message >
    (bootloader) <<<< Identifier Token Start >>>>
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) 69E76169E95536F80600457461998151
    (bootloader) <<<<< Identifier Token End >>>>>
    OKAY [  0.062s]
    finished. total time: 0.063s
    
  11. Copiare tutto il codice alfanumerico, comprese la prima riga
    <<<< Identifier Token Start >>>>
    
    e l'ultima riga
    <<<<< Identifier Token End >>>>>
    
    escludendo gli spazi ai lati del codice e i prefissi (bootloader) o INFO
     
  12. Incollare tale codice nell'area di testo "My Device Identifier Token" e premere "Submit".

    Si riceverà una email col file "Unlock_code.bin".
     
  13. Copiare il file "Unlock_code.bin" nella cartella c:\Android
     
  14. Tornare al prompt dei comandi (o terminale di Windows) e digitare
    fastboot flash unlocktoken Unlock_code.bin
  15. A questo punto, sullo schermo del cellulare comparirà il messaggio

    "Unlock bootloader?"

    selezionare "Yes" tramite il tasto del Volume+, quindi premere il pulsante di Accensione, per confermare. Il telefono si riavvierà normalmente.
     
  16. Ora, il cellulare ha il bootloader sbloccato!

    Ciò consentirà di installare sistemi operativi personalizzati (CUSTOM ROM) e la recovery ROM personalizzata.

    NOTA: Se si togliesse e reinserisse la batteria e si riavviasse tramite tasto di Accensione e tasto Volume-, si vedrebbe che la scritta evidenziata di fucsia, che prima era LOCKED, ora è UNLOCKED.

    Per ribloccare il bootloader, dal prompt di Windows, basta digitare
    fastboot oem lock
    col telefono sempre collegato all'USB.

    NOTA: Anche se ribloccate il bootloader, non ricomparirà più la scritta originale "locked", ma bensì "relocked", quindi, come è facilmente comprensibile, la garanzia non può tornare!
 
c) INSTALLAZIONE RECOVERY
 
  1. Terminata la procedura per lo sbloccaggio del bootloader, spegnere il telefono, togliere e reinserire la batteria, quindi avviare, tenendo premuto il tasto Volume- e il tasto di Accensione, finché non si accende lo schermo.
     
  2. Selezionare "Fastboot", coi tasti Volume e premendo il tasto di Accensione, per confermare.
     
  3. Collegare il telefono, tramite cavo USB, al PC: si può notare che sullo schermo del telefono ora si visualizza la scritta "fastboot USB".
     
  4. Aprire il prompt dei comandi di Windows, tramite tasto Windows+R, quindi digitando, all'interno del campo di testo della finestra che si è aperta, "cmd", e premere invio.
     
  5. Posizionarsi all'interno della cartella c:\Android, dove sono presenti i files importanti per questa procedura, ossia

    "AdbWinApi.dll"
    "fastboot.exe"
    "adb.exe"

    Per spostarsi, digitare i seguenti comandi, all'interno del prompt di Windows:
    cd c:\Android
    e premere invio.
     
  6. Ora bisogna inserire all'interno della cartella c:\Android, il file immagine della partizione di recovery che vogliamo flashare.

    Suggerisco di scaricarlo da qui.

    Per la precisione, si tratta del file "philz_touch_5.15.0-pico.img", contenente l'immagine della recovery, denominata "PhilZ Touch 5 Recovery", la mia preferita.

    E' molto semplice da utilizzare e, più avanti, spiego anche come, per le funzioni principali.
     
  7. Scaricato il file, bisogna, come già detto, spostarlo in c:\Android e rinominarlo, per comodità, in "recovery.img".
     
  8. Fatto ciò, torniamo al prompt di Windows e digitiamo:

    cd c:\Android
    per posizionarci nella cartella

    fastboot flash recovery recovery.img && fastboot reboot-bootloader
    per flashare la recovery.
     
  9. Terminato il flashing, come si evince dal comando precedente, non viene solamente sovrascritta la partizione di recovery del telefono, ma, inoltre, viene anche riavviato quest'ultimo in modalità bootloader.
     
  10. Riavviato il telefono, per testare il funzionamento della recovery, coi tasti Volume del telefono, selezioniamo la voce "bootloader" e per confermare, premiamo il tasto Accensione.
    Quindi scegliamo "recovery" e nuovamente il tasto Accensione: avvieremo la partizione di recovery.

    Si può, a questo punto, tranquillamente scollegare il cavo USB.
 
d) ROOT
  1. Terminata la procedura di installazione della "recovery", riavviare il telefono come segue:

    - spegnere il telefono e reinserire la batteria

    - avviarlo tramite tasto di Accensione e Volume- premuti contemporaneamente, fino a che lo schermo non si accende

    - selezionare "recovery" tramite i tasti Volume e premere il tasto di Accensione per conferma

    - si avvia la "recovery" che, in questo caso è la PhilZ Touch 5 Recovery.
     
  2. Collegare il telefono tramite cavo USB al PC
     
  3. Come al solito, tramite tasti Volume, si seleziona la voce dei menu e con il tasto Accensione, si da' conferma, anche se possiamo confermare, in questo caso, anche tramite il tasto a sfioramento di ricerca, situato in basso a destra dello schermo, a forma di lente di ingrandimento.
     
  4. Selezionare "mounts and storage" --> "mount USB storage"

    così verrà montata la scheda SD in Windows e si potrà copiare il file "superuser.zip" al suo interno, scaricabile alla fine di questo lungo post.

    NOTA: Come indicato nella pagina sul cellulare in cui attualmente ci troviamo, se lasciassimo questa schermata, la SD card verrebbe automaticamente smontata e, quindi, non sarebbe più visibile da Windows. ATTENZIONE a NON ABBANDONARE questa schermata DURANTE IL TRASFERIMENTO del file, altrimenti si potrebbe danneggiare sia il file, sia la scheda SD, sia il cellulare stesso!
     
  5. Terminato il trasferimento, smontiamo, tramite Windows, la scheda SD, dalla barra delle applicazioni tramite l'icona in basso a destra, con la freccia verde e premendo col tasto destro e quindi, sul menu che poi appare, col tasto sinistro, scegliere "Espelli MICROSD".

    NOTA: Ora si può abbandonare la schermata, la scheda verrà definitivamente scollegata e si potrà rimuovere il cavo USB dal telefono.
     
  6. Tornare al menu principale, tramite selezione della voce "GoBack" e quindi selezionare la voce

    "install zip"-->"Choose from sdcard"e, infine, "superuser.zip"
     
  7. Dare conferma, selezionando "Yes"
     
  8. Terminata la procedura, se non ci sono errori, selezionare "reboot system now", tornando al menu principale.
     
  9. ROOT terminato!

    Ora sarà possibile sia installare sistemi operativi custom, che utilizzare applicazioni che richiedono l'accesso da root (amministratore), come ad esempio quelli di overclock della frequenza della CPU, le app di gestione della memoria interna o le app di backup approfondito.


    !!!!IMPORTANTE!!!!
    Per effetturare il ripristino delle impostazioni di fabbrica, NON utilizzare "Ripristino dati di fabbrica" del telefono, ma:

    - spegnere il telefono
    - rimuovere e reinserire la batteria
    - avviare il telefono premendo il tasto Volume- e il tasto di Accensione, contemporaneamente, finché non si accende lo schermo;
    - selezionare "recovery"->"Wipe Data/Factory Reset".

    Se si effettua il ripristino delle impostazioni di fabbrica, invece, tramite la procedura prevista dal sistema operativo, si rischia il BOOTLOOP, ossia che il vostro terminale si fermi in eterno sulla schermata bianca con la scritta htc in verde!!!

    La situazione sarebbe comunque risolvibile, ri-flashando la ROM tramite avvio della Recovery.
 
3. INSTALLAZIONE DI UNA RECOVERY ROM ALTERNATIVA
 
  1. Procurarsi una qualsiasi recovery rom, che si preferisce, magari cercandola da questa pagina
     
  2. Chiamiamo il vostro file immagine, "recovery.img" e posizioniamolo in una cartella, comoda da ricercare dal prompt di Windows, per esempio c:\image\
     
  3. Col tasto Windows+R richiamiamo il programma cmd, digintando "cmd" e avviando il prompt.
     
  4. Posizionatici nella cartella c:\image\ col comando

    cd c:\image
    dopo aver avviato il telefono in modalità bootloader ed aver avviato la recovery, con la seguente procedura:

    - spegnere il telefono
    - togliere e reinserire la batteria e premere Accensione + tasto Volume-, contemporaneamente e finché non si accende il display
    - selezionare fastboot
    - collegare il telefono tramite USB al PC

    digitiamo il seguente comando dal prompt:

    fastboot flash recovery recovery.img && fastboot reboot-bootloader
  5. Terminato il flashing, il telefono verrà riavviato in modalità bootloader: per avviare la recovery appena installata, selezionare dal menu "recovery".
     
  6. Si può staccare il cavo USB. Installazione terminata.
 
4. INSTALLAZIONE DI UNA SYSTEM ROM CUSTOM
 
ATTENZIONE! Prima di installare una nuova ROM CUSTOM, bisogna effettuare il backup dei propri dati.

Andare al paragrafo 5 per sapere come fare!
 
  1. Procurarsi una qualsiasi system rom custom, magari da questa pagina
     
  2. Copiare il file .zip nella memory card del telefono e riavviare il telefono in modalità recovery
     
  3. Dalla recovery selezionare "Wipe Data/Factory Reset"-->"Clean to Install a New ROM" e confermare: questa operazione cancella tutto il contenuto del telefono, a parte la recovery partition ovviamente.
     
  4. Dal menu principale, andare in "Install Zip"-->"Choose zip from sdcard" e quindi selezionare il file .zip contenente la ROM da flashare.
     
  5. Attendere l'installazione e riavviare. Fatto!

    NB: Se ci sono particolari indicazioni di installazione relative alla ROM, che avete scaricato, attenetevi a quanto indicato nella pagina da cui l'avete scaricata.
 
5. PROCEDURA DI BACKUP E DI RESTORE, TRAMITE RECOVERY ROM
 
BACKUP
  1. Riavviare il telefono in modalità recovery

     
  2. "Backup and Restore" quindi "Backup": si avvierà la procedura di backup che creerà un backup completo di tutte le partizioni del telefono, ossia:

    - boot
    - recovery
    - system
    - data
    - cache
    - sd-ext
 
RESTORE
  1. Riavviare il telefono in modalità recovery
     
  2. Selezionare "Backup and Restore" quindi "Restore"
     
  3. Ora siamo in un menu, in cui vi è un elenco (qualora avessimo creato diversi backup) di backup, ordinati per data e ora, all'interno della cartella clockworkmod/backup
     
  4. Selezionare il backup che ci interessa e avviare il ripristino. Fine
 
6. PROCEDURA DI BACKUP E DI RESTORE, TRAMITE APP SUPER BACKUP
 
  1. Qualora non avessimo già installato questa magnifica app, installiamola dallo store GooglePlay, cercando appunto "Super Backup".
     
  2. Avviamo l'app e, da come si può intuire dalla schermata iniziale, questa applicazione è in grado di effettuare Backup/Restore di svariati aspetti:

    -APP
    -SMS
    -Rubrica
    -Registro Chiamate
    -Calendari
    -Preferiti

     
  3. Per fare un Backup, ad esempio, degli SMS, basta premere il pulsante relativo e quindi scegliere tra le varie possibilita: addirittura è possibile spedire ad un proprio indirizzo e-mail il file .xml degli SMS che viene creato.
     
  4. Per il Restore, basta scegliere la voce da ripristinare, ad esempio Contatti, quindi premiamo sul tasto "Backup Contatti" e quindi "Ripristino", scegliendo il file .vcf creato in un Backup precedente.

    Si possono fare svariate cose con questa fantastica e comoda app, basta esplorarla un po', visto che è molto intuitiva da utilizzare. La consiglio



FILE DA SCARICARE: superuser.zip